Titolatori Automatici

I titolatori automatici eseguono una sequenza definita di operazioni, questa sequenza è fondamentalmente la stessa per tutti i modelli e le marche. Viene eseguita e ripetuta più volte fino al raggiungimento del punto finale o del punto di equivalenza della reazione di titolazione (ciclo di titolazione).

Il ciclo di titolazione consiste principalmente in 4 passaggi: l’aggiunta di titolante, la reazione di titolazione, l’acquisizione del segnale e la valutazione


Per questa categoria di strumenti sono presenti:

TITOLATORI AUTOMATICI DA LABORATORIO

TITOLATORI POTENZIOMETRICI AUTOMATICI

Ideali per analisi di precisione in laboratorio per le titolazioni più complesse ma anche per semplici analisi di routine.

TITOLATORI VOLUMETRICI E COULOMETRICI

Utilizzati per determinare in pochissimo tempo il contenuto d’acqua presente in campioni solidi, liquidi e gassosi, e in un range di concentrazioni da poche ppm fino al 100% di H2O usando un eventuale fornetto di strippaggio (metodo usuale ad esempio per la misura dell’umidità nelle materie plastiche): il principio è basato sulla reazione chimica dell’acqua con lo iodio e con un componente reattivo formatosi dalla reazione dell’anidride solforosa con un alcool.

TITOLATORI VOLUMETRICI

Specifici per la determinazione del contenuto d’acqua secondo il metodo Karl Fisher nei liquidi e nei solidi; sono forniti con una buretta di precisione per il dosaggio del titolante Karl Fisher.

TITOLATORI COULOMETRICI

Dove lo iodio viene generato per elettrolisi con un sistema di precisione a cella anodo-catodo.

SOLUZIONI TAMPONE CERTIFICATE

Esempi di applicazione nelle analisi di:

  • Oli minerali
  • Vernici e smalti
  • Analisi di reflui
  • Grassi e plastiche (come policarbonato)
  • Poliesteri (PBT- PET)
  • Poliammidi

Titolatori Automatici 

Visualizzazione di 1 - 1 di 1 elemento
Visualizzazione di 1 - 1 di 1 elemento

Titolatori Automatici